rank brain e crawl budgetBuongiorno a tutti, oggi parliamo di crawl budget, ovvero il parametro che sintetizza il tempo dedicato da un bot (Googlebot ad esempio) per eseguire la scansione delle pagine di un sito web.

Questo parametro dovrebbe essere oggetto dell’attenzione di tutti i SEO, sopratutto in progetti molto grandi, con molte pagine in cui tale parametro potrebbe fare il bello e il cattivo tempo se non correttamente valutato ed ottimizzato.

Fattori impattanti sul Crawl Budget

Nel mondo di Google, ci sono numerosi fattori che giocano un ruolo più o meno importante nel bilancio di scansione di un sito ad opera del motore come ad esempio: valore del PageRank, architettura informativa, link esterni etc. ma quello più facilmente influenzabile da parte dei Webmaster è sicuramente il valore della velocità di pagina.

Lo scorso 16 Marzo, su Twitter, un utente ha punzecchiato il buon John Mueller in merito proprio al concetto di frequenza di scansione e agli eventuali fattori che giocano un ruolo importante nell’influenzare tale parametro. La domanda specifica era relativa al fatto se RankBrain fosse uno di questi fattori influenzanti. La risposta di Mueller è stata secca e precisa: NO, attualmente RankBrain non ha alcun effetto sul crawling di un sito web.

Beh, considerando che dopo l’annuncio dell’avvento della nuova era intelligente di Google con RankBrain non molto è stato scoperto – a parte che è stato ufficialmente citato tra principali tre fattori di posizionamento – considerando che molti SEO ad oggi sono all’opera con test per capirne il reale funzionamento e la reale influenza che questo nuovo upgrade algoritmico ha sulle ricerche, l’affermazione di John Mu suona comunque come una cosa positiva… certo, c’è un “attualmente” sul quale è bene tenere gli occhi aperti.

A presto.